Home » Posts tagged 'voto per posta'

Tag Archives: voto per posta

C’è un rimedio per l’astensione: il voto per posta @HuffPostItalia

L’Europa non ce lo chiede, ma ce lo consente. Sarebbe contenta se procedessimo in quella direzione. Anche molti di noi

In un talk show mattutino ho ascoltato due fantasiose/fantastiche interpretazioni della crescita dell’astensionismo. Prima interpretazione: gli italiani (ma anche le italiane) non sono andati/e a votare perché non ci credono più. Loro volevano votare nell’agosto 2019 dopo la crisi del primo governo Conte e non li hanno lasciati votare. Volevano votare nel febbraio 2021, dopo la crisi del secondo governo Conte, ma nisba. Allora, hanno deciso che per punire i politici non votano neanche alle comunali del 2021 (elezioni che per di più sono in ritardo di sei mesi). Tiè.

   No, seconda interpretazione, gli italiani/e non sono andati a votare perché erano molto confusi: troppe liste, troppe candidature, perplessità, disorientamento, fuga dalle urne. Meglio non sbagliare, sto a casa. Chi sostiene l’una o l’altra di queste concezioni non ha evidentemente mai letto un libro né un articolo scientifico sul comportamento elettorale e sull’astensione, tematiche fra le più studiate e approfondite dalla scienza politica. Più liste e più candidature più probabilità che amici, parenti e conoscenti si mobilitino, vadano a votare. Incidentalmente, a riprova sono altissime le probabilità che la partecipazione scenda significativamente al ballottaggio quando si avranno solo due sfidanti.

   Chi legge e studia, ma anche chi si informa professionalmente deve sapere alcune cose basilari sul non voto. Primo, il voto è una relazione fra, da un lato, i partiti e i loro candidati e gli elettori. I primi fanno un ‘offerta, i secondi rispondono. Se l’offerta è debole e malfatta, la risposta è starsene a casa. Secondo, votano i cittadini/e inseriti in circuiti sociali e professionali. Coloro che sono isolati hanno molte difficoltà ad attivarsi. Se nessuno me lo chiede, se nessuno parla con me, non vado a votare. Questa, dell’isolamento sociale, è una situazione che cresce, è cresciuta nel tempo. I singles di necessità o per scelta che vivono in aree non centrali hanno abbandonato, perduto qualsiasi stimolo alla partecipazione elettorale. Infine, questo, l’Italia, è un paese che invecchia. Le donne e gli uomini anziani votano in percentuali declinanti. Potrei aggiungere che spesso hanno smesso di parlare di politica con chiunque e magari non l’hanno fatto abbastanza in famiglia con i propri figli. Questo, l’Italia, è un paese che continua ad avere cittadini mobili, fuorisede, all’estero per ragioni di studio e di lavoro, che non vivono nei luoghi dove dovrebbero votare.

   È venuto il tempo del voto per posta (i referendum SPID insegnano qualcosa), da consentire anche tre/quattro settimane prima del giorno del voto di persona nella gabina (sic) elettorale. L’Europa non ce lo chiede, ma ce lo consente. Sarebbe contenta se procedessimo in quella direzione. Anche molti di noi.

Pubblicato il 4 ottobre 2021 su Huffingtonpost.it