Il Governo e il peso di quegli applausi

Gli applausi di Genova al governo vanno contestualizzati e interpretati. Il contesto è che sia la città di Genova sia la Regione Liguria hanno maggioranze di centro-destra, ma anche una forte presenza del Movimento Cinque Stelle. Dunque, il governo giallo-verde riscuote già in partenza le simpatie politiche degli elettori liguri. Tuttavia, ciò che sicuramente è contato di più in quegli applausi è il comportamento degli esponenti del governo che ha incrociato le reazioni e le emozioni prevalenti. Con toni diversi, con qualche eccesso “giustizialista”, sia Di Maio sia Salvini, ma anche il Presidente del Consiglio Conte, hanno messo sotto accusa e, qualcuno direbbe, già condannato la società responsabile della manutenzione del ponte Morandi . Hanno altresì rimproverato i governi passati e le loro burocrazie per gli accordi con Atlantia e i mancati controlli. Infine, hanno annunciato la revoca del contratto, la richiesta di adeguati risarcimenti e l’intenzione di nazionalizzare la Società Autostrade per l’Italia. Poco importa ai fini della spiegazione degli applausi che le condanne definitive richiederanno l’intervento della magistratura, attendendo i suoi tempi, e che anche l’eventuale revoca non sarà affatto facile. Al funerale delle vittime, i “cavilli” giudiziari e burocratici sono passati in secondo piano rispetto alle buone intenzioni del governo giallo-verde. In qualche modo, gli uomini al governo hanno sottolineato due aspetti di assoluto rilievo che vanno contro vent’anni almeno di assuefazione neo-liberista. Primo: non è affatto scontato che i capitalisti siano più efficienti dello Stato né, meno che mai, che si curino degli interessi generali a scapito dei loro ingenti profitti. Secondo: esistono attività che per natura, importanza, impatto sulla collettività devono essere svolte dallo Stato e rispetto alle quali la responsabilità non può che essere assunta dai politici. Probabilmente, è proprio l’attribuzione al Partito Democratico, che ha governato negli ultimi cinque anni, della responsabilità dei mancati controlli e di arrendevolezza nei confronti di una grande impresa privata, che spiega, forse, persino giustifica, i fischi al segretario Martina, già Ministro dell’Agricoltura, e alla parlamentare genovese Roberta Pinotti, già Ministro della Difesa. Con affermazioni ancora troppo generiche, il governo giallo-verde, con la perplessità di Salvini, che conosce bene il suo elettorato lombardo-veneto di piccoli e medi imprenditori, sembra volere (ri-)costruire una situazione nella quale lo Stato sia regolatore attento e inflessibile del mercato e della concorrenza e persino torni a fare il gestore di alcune attività definite strategiche. Tanto le infrastrutture quanto la rete di comunicazioni di un paese si sono strategiche per il buon funzionamento del sistema economico e per la vita dei cittadini. Gli applausi di Genova sono interpretabili come invito al governo ad assumersi il compito di rilanciare il paese. Hic Genova hic salta.

Pubblicato AGL il 21 agosto 2018

Gianfranco Pasquino será Profesor Honorario Visitante de la Universidad Autónoma del Estado de Hidalgo @UAEH_OFICIAL #FUL2018 #LaFeriaDeTodos #Mexico

La Feria Universitaria del Libro 2018 se complace en tener la participación del reconocido escritor internacional de ciencia política, Gianfranco Pasquino, formando parte del Claustro Honorario Visitante de la UAEH. Es profesor emérito de Ciencia Política por la Universidad de Bolonia. Su pasión y entrega a la politología identifican al profesor, político y senador italiano, destacado a nivel internacional.

El reconocido escritor internacional de la ciencia política Gianfranco Pasquino será reconocido como nuevo profesor honorario visitante de la Universidad Autónoma del Estado de Hidalgo (UAEH) en la 31 Feria Universitaria del Libro (FUL) 2018 que será realizada del 24 de agosto al 2 de septiembre en las instalaciones del poliforum Carlos Martínez Balmori, de Ciudad del Conocimiento.

La ceremonia de investidura como nuevo Profesor Honorario Visitante de Gianfranco Pasquino será el 28 de agosto a las 9 horas, cuando el rector de la máxima casa de estudios de la entidad Adolfo Pontigo Loyola le entregue la beca académica. De esa forma, el destacado politólogo quedará adscrito al área académica de ciencia política y administración pública del Instituto de Ciencias Sociales y Humanidades (ICSHu).

Lo anterior, en el contexto de la sexta emisión del régimen de seminarios internacional que forma parte del Programa de actividades de innovación educativa para el alumnado de la UAEH, aprobado por el consejo universitario, que permite consolidar internacionalmente las unidades académicas a través de su incorporación y adscripción a la línea de investigación de los expertos académicos prolíficos y expertos internacionales.

Después de la ceremonia de investidura, Gianfranco Pasquino impartirá el taller La comparación en ciencia política. ¿Por qué y cómo comparar?, en el Pabellón Internacional Margarita Michelena del poliforum universitario. Posteriormente, ofrecerá la conferencia magistral titulada “La democracia exigente”, en el salón de actos Ingeniero Baltasar Muñoz Lumbier, del centro cultural La Garza a las 13:30 horas. El 29 de agosto, a las 11 horas, el experto en ciencia política presentará su más reciente libro Deficit democratici, en el auditorio Josefina García Quintanar del poliforum.

Cabe destacar que Gianfranco Pasquino es profesor emérito de ciencia política por la Universidad de Bolonia. Su pasión y entrega a la politología identifican a ese catedrático, político y senador italiano, destacado a nivel internacional. Obtuvo el máster de habilidades en relaciones internacionales por la Escuela de Relaciones Internacionales Avanzadas en Washington DC, en la Universidad Johns Hopkins en 1967. Se especializó en política comparada por la Universidad de Florencia, guiado por el reconocido politólogo italiano Giovanni Sartori. Es licenciado en ciencias políticas por la Universidad de Turín en 1965, donde tuvo como profesor a Norberto Bobbio, jurista y politólogo italiano.

Además, Pasquino es profesor asociado superior de ciencia política en la Universidad Johns Hopkins, de Bolonia, en la que imparte clases de política italiana y desarrollo político comparado. Igualmente ha sido profesor visitante y ha colaborado en numerosas escuelas y universidades, como Florencia, Harvard, California, Instituto Juan March de Madrid, Instituto Christ Church de Oxford, Clare Hall de Cambridge e Instituto St Antony’s de Oxford, donde ha escrito obras sobre la política italiana y política comparada.

Pasquino obtuvo el Máster de Habilidades en Relaciones Internacionales por la Escuela de Relaciones Internacionales Avanzadas en Washington D.C. en la Universidad Johns Hopkins en 1967. Se especializó en Política Comparada por la Universidad de Florencia guiado por el reconocido politólogo italiano Giovanni Sartori. Es Licenciado en Ciencias Políticas por la Universidad de Turín en 1965 teniendo como profesor a Norberto Bobbio jurista y politólogo italiano.

Es Profesor Asociado Superior de Ciencia Política en la Universidad Johns Hopkins en Bolonia, donde imparte clases de Política Italiana y Desarrollo Político Comparado. Además, ha sido profesor visitante y ha colaborado en numerosas Escuelas y Universidades como: Florencia, Harvard, California, Instituto Juan March de Madrid, Instituto Christ Church de Oxford, Clare Hall de Cambridge e Instituto St. Antony’s de Oxford donde ha escrito obras sobre la política italiana y política comparada.

Dentro de sus publicaciones recientes destacan:

  • 2018. Deficit democratici
  • 2017. La sociedad (in) civili. Coautor
  • 2017. Europa en 30 lecciones
  • 2015. La Constitución en 30 lecciones
  • 2014. Partidos, instituciones y democracia
  • 2014. Política e instituciones
  • 2013. Cuarenta años de ciencia política en Italia
  • 2012. Sistemas políticos comparados
  • 2011. Nuevo curso de Ciencia Política
  • 2010. Las palabras de la política

 

 

 

 

La democrazia è viva #vivalaLettura

“Crisi della democrazia?” Non la pensa così il candidato Chamisa che ha appena perso le elezioni presidenziali in Zimbabwe. Anzi, sostiene che il vincitore ha manipolato le regole democratico-elettorali e che in un quadro effettivamente democratico non sarebbe riuscito a vincere. L’opposizione venezuelana combatte contro il Presidente Maduro proprio per (re-)instaurare uno Stato di diritto e la democrazia politica con la rigorosa osservanza della separazione dei poteri e il ritorno dei militari nelle caserme. Un po’ dovunque nel mondo, dalla Russia alla Turchia, dall’Africa all’Asia, persino in Italia, ci sono uomini e donne che combattono ostinatamente per e in nome della democrazia, sì, proprio quella definita “occidentale”. Sono spesso arrestati e condannati, ma non cessano la loro battaglia. No, per loro non c’è “crisi della democrazia”. Al contrario. Ci sono leader e movimenti autoritari, teocratici, sultanisti, populisti che comprimono e soffocano la democrazia. Tutti i dati disponibili segnalano che mai nel passato sono esistiti tanti sistemi politici che possono essere legittimamente e rigorosamente definiti democratici, nei quali la competizione politico-elettorale è libera e periodicamente conduce all’alternanza al governo, nei quali i diritti dei cittadini sono protetti e promossi, nei quali l’aspettativa di vita è superiore a quella di qualsivoglia regime autoritario.

Nel 2018 è stato conseguito un risultato storico, quello del più alto numero di sempre di persone che vivono in paesi liberi. Con il suo regime chiaramente e totalmente dominato da un partito e da una nomenklatura, è la Cina che fa da massimo contrappeso alle democrazie realmente esistenti. Nessuno dei paesi divenuti democratici dopo quella che Samuel Huntington definì la terza ondata di democratizzazione, dalla metà degli anni settanta dello scorso secolo al post-1989, ha perso le caratteristiche democratiche iniziali fondanti. Certo, dobbiamo preoccuparci dell’involuzione dell’Ungheria e della Polonia. Dobbiamo ritenere l’avanzata e la sfida dei variegati populismi pericolose per la vita democratica di un sistema politico, ma finora di regressi e crolli dovuti a populismi vittoriosi non se ne sono visti (in Venezuela è stata l’implosione del bipartitismo inaridito a aprire la strada a Chavez). Le democrazie “illiberali” sono una ferita all’ideale di democrazia, ma conservano potenzialità di trasformazione positiva. Ciononostante, la cosiddetta crisi della democrazia, non solo disagio e disincanto, è oggetto di seriose conversazioni fra intellettuali, meglio se in qualche ridente località sede di convegni accademici, e di allarmate discussioni nelle redazioni dei giornali.

In generale, la maggioranza dei cittadini sembra pensarla alquanto diversamente, soprattutto nelle democrazie europee, in particolare quelle di più lunga durata. In Italia, la percentuale di insoddisfatti è superiore a quella dei soddisfatti, ma il punto da sottolineare è che le critiche riguardano il “funzionamento”, non la “natura”, della democrazia. Già trent’anni fa Giovanni Sartori tracciò una linea distintiva chiara e netta fra la democrazia ideale e le democrazie reali, quelle realmente esistenti. Ciascuno di noi ha una visione di come vorrebbe che fosse la sua democrazia ideale e ciascuno di noi (e dei nostri concittadini) valuta il rendimento, le prestazioni della democrazia italiana anche alla luce della sua democrazia ideale. Le valutazioni negative non coinvolgono affatto automaticamente la democrazia in quanto insieme di regole, di istituzioni, di comportamenti. Anzi, proprio perché siamo esigenti nei confronti della democrazia diventiamo molto critici delle sue carenze, delle sue inadeguatezze, dei suoi deficit. Allora, meglio sarebbe se, seguendo le indicazioni di Sartori, da un lato, prendessimo atto che la democrazia ideale non è conseguibile, ma merita di continuare a essere l’insieme di criteri con i quali valutare le democrazie realmente esistenti, e, dall’altro, non negassimo che, sì, in effetti, non c’è “crisi della democrazia”, ma nelle democrazie esistono molti problemi di funzionamento che devono essere affrontati e risolti, mentre nuove sfide sorgono proprio perché le democrazie sono società vivaci e aperte.

Chi sceglie questa strada che, a mio parere, non soltanto è quella giusta, ma è anche quella più produttiva, vedrà probabilmente che i problemi di funzionamento, da un lato, affondano le loro radici nelle istituzioni e nelle regole e, per quel che riguarda il caso italiano, clamorosamente nelle leggi elettorali e nei rapporti Parlamento/ governo, ma, dall’altro, dipendono moltissimo dai cittadini stessi. Norberto Bobbio ha scritto che questa è la promessa che la democrazia non ha mantenuto: non è riuscita a educare politicamente i cittadini. I problemi della democrazia, se si preferisce le “crisi nelle democrazie”, sono la conseguenza dell’esistenza di cittadini che non s’interessano di politica, non sono informati sulla politica, partecipano poco alla politica (per i quali il voto è spesso l’unica modalità di partecipazione in tutta la vita) e, magari, se ne vantano, pur godendo di tutte le cose buone, a cominciare dal cambiare idee e preferenze, che solo la democrazia garantisce. Questi cittadini, disinformati e apatici, non sono in grado di innescare e fare funzionare il circolo virtuoso della responsabilizzazione di coloro che ottengono il potere di rappresentarli e di governarli. Non sapranno valutarne qualità e operato. Non manderanno a casa i peggiori. Non riusciranno a imporre la selezione dei migliori fra loro – meno che mai, naturalmente, se esistesse quello tremendamente semplificatrice mannaia burocratica che si chiama “limite ai mandati”. Fuori dalle carenze istituzionali e elettorali , che pure esistono, ma sono riformabili, i problemi delle democrazie contemporanee derivano dall’incompetenza, dalla disinformazione, dal mancato impegno, dal conformismo e dalla bassa qualità dei cittadini. Crisi dei cittadini “democratici”?

Pubblicato il 19 agosto 2018

Gli irriducibili del referendum perduto

A quasi due anni dal referendum costituzionale, gli sconfitti non riescono a farsene una ragione. Anzi, con un implausibile ricorso al post hoc ergo propter hoc attribuiscono la responsabilità di tutti gli esiti negativi, compresa la formazione del governo Cinque Stelle-Lega, a chi ha votato “no”. Non sembrano neppure sfiorati dal dubbio che quelle riforme fossero malfatte e controproducenti, che la campagna plebiscitaria dell’autore di riforme male fatte, tecnicamente, quindi, “malfattore”, abbia provocato reazioni di rigetto, che le argomentazioni a sostegno siano state mediocri e faziose.

Ho ascoltato più volte qualche professore per il “sì” affermare senza nessun ripensamento che la riforma del Senato avrebbe posto fine al bicameralismo “perfetto” (che, se fosse tale, sarebbe davvero da preservare). Il governo giallo-verde deriverebbe dall’esito referendario, anche se non facilmente spiegabile è come mai le Cinque Stelle abbiano accresciuto i loro voti fra il 2013 e il 2018 e la Lega li abbia addirittura quadruplicati. La loro campagna elettorale si è svolta principalmente su temi costituzionali, su quella vittoria, oppure, rispettivamente, su reddito di cittadinanza e blocco dell’immigrazione? Nessuno fra gli sconfitti che si chieda dove sono finiti quel 40 per cento di elettori del PD nelle europee del maggio 2014 e poi del “sì” che il segretario Renzi, mai smentito dai suoi collaboratori, al contrario, applaudito e osannato, rivendicava come suoi facendo un paragone azzardato con lo scarno 26 per cento per Macron nel primo turno delle elezioni presidenziali francesi? Comunque, dimenticando le sconfitte nelle elezioni amministrative del 2015, dove sono finiti e a chi quei voti fuggiti che hanno lasciato il PD al 18 per cento circa? Non sono certamente stati conquistati da Liberi e Uguali, il cui esito percentuale (e politico) è stato assolutamente deludente. La campagna elettorale del PD nel 2018 è stata impostata e condotta in maniera brillante? L’attacco a due punte, Renzi e Gentiloni, ha valorizzato le riforme e la figura del Presidente del Consiglio, già allora più popolare del due volte segretario del partito? È mai passata (se esisteva) l’idea che il PD s preoccupasse delle diseguaglianze, fosse il partito che avrebbe operato per ridurre quelle esistenti e per creare eguaglianze di opportunità? E tutto questo c’entrava qualcosa con la sconfitta referendaria, era impedito da quella sconfitta oppure reso più impellente? Quelle cattive riforme avrebbero cambiato in meglio la Costituzione italiana, che non è necessario considerare la più bella del mondo (non esiste concorso di bellezza per le Costituzioni altrimenti assisteremmo alla paradossale vittoria della Costituzione che non c’è: quella inglese) per valutarne positivamente le qualità? Mancano al loro dovere di difesa della Costituzione gli esponenti del no che non scendono in piazza contro le elucubrazioni di Davide Casaleggio sulla futura probabile inutilità del Parlamento? Oppure il confronto fra riforme fatte e proposte futuribili è improponibile, oltre che un processo alle (non) intenzioni?

Potrei concluderne che la pochezza argomentativa degli irriducibili giapponesi del sì è rattristante. Potrei anche aggiungere che sono fatti loro, parte della spiegazione di una sconfitta sonora che non hanno mai saputo spiegarsi e che continuano a non capire. Dirò, invece, che gli sconfitti del sì, chiusi nella loro torre dalla quale vedono solo le responsabilità altrui, privano il paese e i loro elettori di un’opposizione sulle cose, in grado di contrastare un governo al quale diedero prematuramente via libera, e di controproporre. Chi non impara dalla storia è condannato a riviverla (ma alcuni fra noi non si meritano questa punizione).

Pubblicato il 18 agosto 2018

INVITO Deficit democratici alla 15ª Festa del libro di Montereggio #22agosto #Mulazzo #MassaCarrara

mercoledì 22 agosto ore 21.30
incontro con l’Autore

DEFICIT DEMOCRATICI
Cosa manca ai sistemi politici, alle istituzioni e ai leader
Università Bocconi Editore

DEFICIT DEMOCRATICI COSA MANCA AI SISTEMI POLITICI, ALLE ISTITUZIONI E AI LEADER UBE (Egea 2018)

Infelice ritorno al medioevo #vaccini

È giusto e opportuno che le due opposizioni (PD e Forza Italia) al governo giallo-verde sostengano, con argomentazioni talvolta diverse, che i punti centrali del programma economico: la flat tax della Lega e il reddito di cittadinanza, insieme non potranno essere realizzati. Però, è probabile che il Ministro dell’Economia Giovanni Tria piegherà i numeri in modo che la tassa non sarà del tutto “piatta” e che il reddito di cittadinanza includerà un numero non molto alto di italiani che ne avranno “diritto”. Nel frattempo, l’incertezza sulle misure del governo ha già fatto salire lo spread fra i titoli di Stato tedeschi e quelli italiani con la conseguenza che le spese degli interessi a carico dello Stato aumentano a scapito delle risorse necessarie proprio per la riduzione delle tasse e l’attuazione del reddito di cittadinanza.

Molto più gravi, invece, sono le indecisioni su due tematiche diversamente importanti, con impatti significativi, rivelatori di qualcosa che non attiene ai numeri, ma alla cultura e alla visione del paese che i due partiti al governo vorrebbero. Sia il TAP in Puglia sia la TAV in Piemonte sono opere pubbliche deliberate tenendo conto dell’impatto ambientale e dei benefici futuri non soltanto degli abitanti di quelle zone. Guardano avanti (e porteranno avanti). Respingerle significa certamente accettare la prospettiva della “decrescita” nell’espressione pentastellata, peraltro nient’affatto “felice”, forse rancorosa, probabilmente non condivisa, dicono i sondaggi, da una maggioranza popolare (alla faccia del populismo buono lodato dal Presidente del Consiglio Conte). Significa anche esprimere sfiducia in quello che la scienza delle costruzioni garantisce riguardo alle due opere. Né si può dimenticare che una parte ampia d’Europa si attende che l’Italia onori gli impegni presi.

Nel caso dei vaccini, il rifiuto della scienza è addirittura plateale. È sostanzialmente inconfutabile che i vaccini hanno debellato malattie, hanno salvato vite, sono essenziali. I distinguo, le proroghe, le prese di distanza, i richiami a presunte libertà e responsabilità personali rivelano una pessima concezione della vita organizzata. Il punto non è che i genitori si assumeranno la responsabilità delle malattie contratte dai loro figli non vaccinati. È, invece, che bambini non vaccinati diventerebbero portatori di malattie che infetteranno altri bambini. Non è questione di responsabilità “personale”, ma di responsabilità nei confronti di coloro che vivono nella stessa società, e senza esagerazioni, data la rapidità delle comunicazioni, si può aggiungere nello stesso mondo. I numeri dell’economia sono, in qualche modo, riconducibili ad un disegno e ad accordi, lo scontro sulla scienza è quasi uno scontro di civiltà. Su questo terreno le opposizioni debbono essere assolutamente intransigenti. Chiuderò in maniera retorica: il ritorno al Medioevo è dietro l’angolo.

Pubblicato AGL il 7 agosto 2018

Generazioni, fallimenti e battaglie da combattere

Due cose riempiono l’animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale dentro di me

Sto per andare in vacanza e devo togliermi alcuni pensieri. No, non dirò mai che “la mia generazione ha fallito”. Primo, perché non voglio coinvolgere nessuno nelle mie valutazioni personali. Secondo, perché troppi nella mia generazione non hanno combattuto nessuna battaglia (qualcuno, poi, si è accodato alla carovana degli opportunisti). Terzo, perché, non dal punto di vista della mia carriera (facilmente giudicabile), ma delle idee, ho combattuto di persona molte battaglie giuste spesso perdendole per ottime ragioni, ma le idee e le motivazioni a sostegno di quelle battaglie rimangono vive, vegete, destinate a durare nel futuro e a dare frutti.

Quando Norberto Bobbio diceva con tristezza che la sua generazione aveva perduto (“Chi ha dietro di sé molti anni di speranze deluse, è più rassegnato anche di fronte alla propria impotenza”, Autobiografia, Laterza 1997), mi permettevo di rimproverargli la sua civetteria e gli dicevo che volevo essere da lui considerato, non un “fallimento”, ma un effetto positivo della sua storia di docente e di intellettuale pubblico. Sartori non si è mai identificato con una generazione. Certo, non era contento di quello che vedeva. È sufficiente ricordare il titolo Mala tempora (Laterza 2004) di una raccolta dei suoi editoriali. Però, sapeva bene, e quando, rarissimamente, faceva finta di non saperlo, glielo ricordavo, che i suoi scritti sono imprescindibili.

Lungi da me mettermi sullo stesso piano di Bobbio e Sartori, che, in un paese decente (che è più di un paese “normale”), sarebbero non soltanto ricordati e riveriti, ma tenuti in costante considerazione, tuttavia il nostro impegno per una politica migliore non è stato vano. Una sinistra che sappia ridurre le diseguaglianze, una democrazia che sia liberale (non come quella, molto elastica, degli opinion-makers del Corriere della Sera, spesso anti-parlamentaristi), un paese che sappia diventare europeo: sono obiettivi importanti e mobilitanti. Il vero dramma è che il PD com’è e i suoi dirigenti come sono non c’azzeccano proprio nulla con quegli obiettivi. Certo, non cercano né dialogo né confronto. Hanno portano i loro elettori all’irrilevanza, ma hanno salvato le loro carriere. Do not put the blame on me. Non ho soltanto parlato e salvato la mia anima. Ho anche agito. Confido molto nelle tracce che ho lasciato, non sulla sabbia, non sulla penultima vera spiaggia (quella alla quale mi dirigo), sperando che l’ultima sia ancora abbastanza lontana.

7 agosto 2018