Home » Posts tagged 'comunicazione politica'

Tag Archives: comunicazione politica

I 100 giorni di Draghi promossi dal prof Pasquino, ma… @formichenews

Piano di ripresa e resilienza, pandemia, equilibri parlamentari e con le forze politiche. L’alunno Mario Draghi passa a pieni voti gli esami dei primi 100 giorni di governo, eppure è utile non dimenticare che gli esami non finiscono mai. I voti di Gianfranco Pasquino, professore emerito di Scienza politica, in libreria con “Libertà inutile. Profilo ideologico dell’Italia repubblicana” (Utet 2021)

Cento giorni non sono né tanti né pochi per valutare l’operato dell’alunno Mario Draghi, presidente del Consiglio. Reduce da un lungo periodo di Erasmus trascorso alla prestigiosa e ben frequentata Università di Francoforte, Draghi ha dimostrato di essere un alunno con notevoli basi nelle materie economiche. Il suo primo esame relativamente al quesito “Come scrivere un Piano di ripresa e resilienza” è stato svolto, con un qualche aiuto di provenienza Conte. La maggior parte dei commenti di più o meno improvvisati e preparati valutatori è stata positiva, ma quello che conterà davvero sarà il giudizio del professoroni della Commissione europea. Tuttavia, va segnalato che l’alunno Draghi ha dimostrato di avere le conoscenze necessarie anche ad una eventuale rapida riscrittura di alcune parti del suo tema. Si attende, pertanto, un voto buono, se non molto buono, probabilmente 8 più.

Il secondo esame che l’alunno Draghi ha dovuto affrontare è stato quello della pandemia in corso, il corso di Pandemia. Anche in questo caso ha saputo fare buon uso dell’aiutino da parte dell’alunno che l’aveva preceduto. Però, Draghi ha saputo (con qualche scambio con il suo vicino di banco, il ripetente Roberto Speranza) imprimere una accelerazione in particolare per quel che riguarda la vaccinazione e resistere a pressioni provenienti dal malvagio Franti Salvini per cervellotiche riaperture anticipate. La capacità di Draghi di saper fare di conto (non è chiaro alla Commissione se vi sia stato un pur legittimo ricorso ad algoritmi di vario tipo) e, soprattutto, la misurabilità dei fenomeni contagi, ricoveri, decessi, consentono di dare un voto alto, 9, all’operato in questo ambito, in attesa della molto ardua prova della produzione di un migliaio di Decreti Attuativi.

Fra le materie obbligatorie portate all’esame dall’alunno Draghi ve ne sono state due, particolarmente importanti per il proseguimento degli studi, ma anche abitualmente non prescelte per la loro difficoltà dalla grandissima maggioranza degli studenti: rapporti con il Parlamento e comunicazione politica. Il primo tema è stato affrontato inizialmente con grande cautela, con il rispetto dovuto, da un lato, alla complessità dei rapporti in un Paese nel quale vibra alto l’antiparlamentarismo, dall’altro, alla presenza in Parlamento, seppur non proprio frequentissima di vecchi volponi e di giovani volpine. Incoraggiato dal non avere sbagliato nessuno dei suoi primi colpi, l’alunno Draghi si è dimostrato capace di confrontarsi con tutti gli interlocutori, talvolta disarmandoli con le migliori conoscenze rese più gustose da un sottile sense of humour che alcuni componenti della Commissione giudicatrice (soprattutto chi redige questo verbale) hanno particolarmente apprezzato. Test superato con il punteggio 9.

Nel suo Erasmus, Draghi aveva dovuto comunicare con assemblee ristrette di persone che sostanzialmente parlavano la sua lingua e che non si attendevano grandi discorsi “esortativi” quanto piuttosto linee guida, decisioni e motivazioni convincenti. La prova orale della sua capacità di comunicazione politica, nota la Commissione, è avvenuta, oltre che nei discorsi al/in Parlamento, nelle conferenze stampa con giornalisti non molti dei quali particolarmente preparati. La Commissione ha rilevato con apprezzamento le propensioni dell’alunno Draghi alla precisione, alla concretezza, a risposte semplici, facilmente comprensibili, dirette anche ad un uditorio più vasto. Su questo terreno, il candidato ha mostrato notevoli e positive differenze rispetto ai politici verbosi e sussiegosi, ma anche ai professori inclini a presentarsi come quelli che ne sanno di più. Anche in questa materia Draghi merita un 9.

Nel giudizio riassuntivo allegato alla pagella, la Commissione ha sentito il dovere di segnalare due elementi. Primo, che molto alte sono le aspettative relativamente alle prestazioni future del diplomato Draghi. Rischiano di distrarlo dai compiti ancora in corso. Secondo, unanimi i Commissari ritengono di avvertire Draghi, promuovendolo con alti voti, che gli esami non finiscono mai.

Pubblicato il 23 maggio 2021 su formiche.net

A Voce Alta. Ma di cosa parlate, di cosa scrivete? #riformeistituzionali #ComunicazionePolitica @ComPolJournal

Gianfranco Pasquino, A Voce Alta. Ma di cosa parlate, di cosa scrivete?, in “Comunicazione politica, Quadrimestrale dell’Associazione Italiana di Comunicazione Politica” 1/2021, pp. 103-108, doi: 10.3270/100312

«Votare premier e coalizione è solo un sogno proibito?» (Risponde Luciano Fontana, «Corriere della Sera», 21 dicembre 2020, p. 37)

«C’è un’ampia letteratura sulla relazione infausta fra il proporzionale e la crescita della spesa pubblica (cattiva)» (Ferruccio De Bortoli, «Corriere della Sera» 24 gennaio 2021, p. 24)

«Perché il proporzionale è un passo indietro» (Risponde Aldo Cazzullo, «Corriere della Sera», 26 gennaio 2021, p. 29)

«Il proporzionale non funziona l’aveva già capito De Gasperi» (Risponde Aldo Cazzullo, «Corriere della Sera» 3 febbraio, p. 27)

Non farò nessun riferimento alla tesi espressa da Antonio Polito qualche tempo fa sulle pagine del «Corriere della Sera»(1)* sulla necessità che in Italia ci sia finalmente «un governo uscito dalle urne». Tralascio i molti riferimenti negativi alla proporzionale che Paolo Mieli sparge regolarmente nei suoi articoli. Invece, sento di dovere portare all’attenzione dei lettori la davvero mitica conclusione di Francesco Verderami ad un suo articolo di ricognizione delle possibili leggi elettorali pubblicato poco più di un anno fa. L’orientamento dei riformatori della criticata Legge Rosato andava, scrisse Verderami, nella direzione di un sistema elettorale «proporzionale a turno unico». Il lettore deve immaginare la mia frenesia nel compulsare i molti libri sui sistemi elettorali alla ricerca della varietà di sistemi proporzionali a più turni: doppio, chi sa, forse, addirittura triplo. Ricerca fallita. Poiché, comunque, il discorso sulle leggi elettorali è destinato a tornare, sono certo che dire a «voce alta» alcune cose abbia una sua, non so quanto piccola, utilità. Intrattengo sempre la speranza/illusione che nel dibattito pubblico sia possibile mettere punti fermi dai quali fare passi avanti.

Poiché scrivo nei giorni delle consultazioni del Presidente del Consiglio incaricato, prenderò le mosse dal lancinante interrogativo dolorosamente posto dal Direttore del «Corriere della Sera». Luciano Fontana lo precisa in questo modo: «in attesa della ricostruzione di veri partiti e di una solida classe dirigente (aspettativa frequentemente intrattenuta sulle pagine del «Corriere» anche dall’ex Direttore Ferruccio De Bortoli e da uno degli editorialisti di punta, Ernesto Galli della Loggia), si potrebbe intanto pensare a una legge elettorale che faccia scegliere ai cittadini non il proprio (di chi?) simbolo ma anche la coalizione di governo e il premier». Qualcuno, non il Direttore Fontana e nessuno degli autorevoli collaboratori e corrispondenti del suo quotidiano, potrebbe subito andare alla ricerca delle modalità di voto nelle oramai molte democrazie esistenti. In qualche paese, si è mai avuta una legge elettorale che consentisse e effettuasse l’elezione simultanea del premier e della coalizione di governo? La risposta è semplicemente: No. Dopodiché è possibile aggiungere alcuni utili elementi conoscitivi. Primo, nemmeno nelle repubbliche presidenziali e semipresidenziali l’elezione popolare del capo dell’esecutivo, da un lato, elegge una coalizione, dall’altro, dà vita ad un governo. Tanto negli USA: presidenzialismo, quanto nella Quinta Repubblica francese: semipresidenzialismo, gli elettori eleggono il capo dell’esecutivo. Poi, sono i due presidenti eletti a nominare i loro ministri, quello francese senza nessun vincolo costituzionale, quello USA dovendo ricevere dal Senato la ratifica delle sue nomine. Entrambi hanno un inconveniente, seppure di natura diversa. Il Presidente USA potrebbe trovarsi a fare i conti con l’assenza della maggioranza del suo partito in uno o in entrambi i rami del Congresso: governo diviso. Quello francese potrebbe essere confrontato e contrastato da una maggioranza a lui politicamente opposta nell’Assemblea nazionale (fenomeno che si presenta attualmente anche nel Portogallo semipresidenziale): coabitazione. Sogni infranti di dominio senza controllo, senza freni e contrappesi politici (e istituzionali).

In un solo sistema politico, quello di Israele, per tre volte, nel 1996, 1999, 2001, è stato eletto direttamente il Primo ministro, ma non la coalizione a suo sostegno. Poi la formazione del governo è tornata nel Parlamento, Knesset, come avviene nelle democrazie parlamentari da tempo memorabile, ovvero, da almeno due secoli se ci riferiamo alla Gran Bretagna e da più di un secolo se prendiamo in considerazione l’esperienza delle democrazie occidentali, in Europa e no. Come è costitutivo, per l’appunto, di tutte le democrazie parlamentari. I governi nascono in Parlamento. Possono trasformarsi in Parlamento. Muoiono in Parlamento, eventualmente risorgendo qualora abbiano i numeri a loro favore. Il Direttore Fontana fa riferimento alla sfiducia costruttiva, una delle più importanti innovazioni costituzionali contenuta nella Legge Fondamentale tedesca: «si fa cadere un governo se ce n’è un altro già pronto a sostituirlo». Palesemente e logicamente il voto di sfiducia costruttivo non potrebbe essere adoperato se il governo fosse stato eletto dal popolo. Comprensibilmente, non sarebbe politicamente consigliabile contrapporre il Parlamento al popolo né costituzionalmente coerente consentire ai parlamentari di trasformare tanto meno sostituire un governo «eletto dal popolo».

Di tanto in tanto qualcuno, negli anni Novanta Mario Segni, di recente, Matteo Renzi, sostiene che si potrebbe eccome eleggere il capo del governo nella modalità da entrambi definita «Sindaco d’Italia». Fraintendimenti e manipolazioni si combinano e si avvinghiano. Mi limito alle due critiche più facili da argomentare. La prima riguarda la «scala». Dovrebbe essere chiaro che eleggere un sindaco anche in un comune grande per numero di abitanti e per spazio geografico non è affatto la stessa cosa per quel che riguarda, ad esempio, la campagna elettorale di partiti e candidati e la formazione delle opinioni degli elettori/trici. In secondo luogo, l’elezione popolare diretta del sindaco/capo del governo comporterebbe il cambiamento della forma di governo che da parlamentare diventerebbe (semi-)presidenziale, naturalmente, implicherebbe e comporterebbe anche un vasto procedimento di modifiche costituzionali concernenti non soltanto il Governo, ma il Parlamento e, soprattutto, i poteri del Presidente della Repubblica. Va subito aggiunto che, come nei (semi)-presidenzialismi, gli assessori delle compagini di governo locali non sono affatto votati dagli elettori e che la forma di governo «Sindaco d’Italia» è rigida. Se per qualsiasi ragione cade il sindaco, si torna ad elezioni.

Poiché ripetutamente, senza mai essere contraddetto, Matteo Renzi ha sostenuto la proposta del sindaco d’Italia come se implicasse il ricorso ad un sistema elettorale maggioritario, mi affretto a segnalare che la legge elettorale utilizzata per i comuni sopra i 15 mila abitanti è una legge proporzionale. Viene conferito un premio in seggi al sindaco eletto al secondo turno/ballottaggio per consentirgli di acquisire una maggioranza operativa nel Consiglio comunale. In molti ballottaggi, un partito del 2,5-3 per cento, come Italia Viva, potrebbe risultare decisivo. In conclusione, detto a voce alta, non siamo comunque di fronte ad un sistema elettorale maggioritario, ma a una fattispecie diversa che non può essere definita neppure sistema misto.

La discussione sui sistemi elettorali maggioritari ha avuto molto minor rilievo e spazio di quello dato di recente dato alla critica delle leggi elettorali proporzionali. Tuttavia, a scanso equivoci, alcuni elementi vanno segnalati a voce alta. La versione della Legge Mattarella (1993) per l’elezione del Senato, derivante dal quesito referendario approvato da quasi 30 milioni di elettori (l’82,7 per cento), era maggioritaria in collegi uninominali per tre quarti dei seggi. Il recupero proporzionale per il rimanente quarto dei seggi premiava i migliori perdenti: sistema limpido senza nessuna opportunità e necessità di mercanteggiamenti. Il maggioritario a turno unico, lui sì, produce i suoi frutti migliori quando esistono due partiti strutturati in grado di vincere e di alternarsi periodicamente al governo: la mitica agognata alternanza. Curiosamente, nella vorticosa discussione sulle leggi elettorali, non ha fatto adeguata comparsa la riflessione sulle conseguenze di quelle leggi sui partiti e sui sistemi di partiti. Eppure, da un lato, questa discussione è stata impostata settant’anni fa in maniera eccellente dal grande studioso francese Maurice Duverger ed è stata proseguita da Giovanni Sartori con significative precisazioni e approfondimenti. Non la esplicito qui limitandomi a dire che neppure una legge maggioritaria inglese in collegi uninominali è garanzia di produzione automatica di bipartitismo.

Se i commentatori del «Corriere della Sera», Direttore incluso (ma il mio invito/ monito vale per tutti), fossero coerenti con il loro desiderio di evitare una legge elettorale proporzionale e di consentire agli elettori di contribuire alla formazione del governo, dovrebbero argomentare l’introduzione di una legge elettorale effettivamente maggioritaria. Non ricordo di avere visto nessun articolo in materia, mentre spesso sono comparse critiche al sistema elettorale maggioritario francese a doppio turno in collegi uninominali. La critica più pesante variamente formulata è che il secondo turno sarebbe un mercato delle vacche. Forse il primo a ricorrere a questa terminologia fu il grande storico cattolico democratico Pietro Scoppola a metà degli anni Novanta. Sbagliava. Presumo che non avesse mai visto (neanche nei film) né visitato un mercato delle vacche.

Di quel mercato ho già variamente tessuto le lodi che riproduco qui in stretta comparazione con il doppio turno francese. Le vacche sono in bella mostra; i candidati debbono farsi vedere nel collegio in cui competono. Nella grande maggioranza dei casi abitano lì. Non vengono paracadutati a meno che abbiano caratura e visibilità nazionali. I venditori sono egualmente noti e fanno quel lavoro da qualche tempo e da qualche tempo frequentano quel mercato. Da tempo i capi dei partiti hanno imparato che il loro compito consiste nell’individuare e nell’offrire le candidature più appropriate anche in quanto portatori/trici dell’immagine del partito. I compratori delle vacche hanno già visto quei venditori all’opera. Ne sanno valutare il grado di credibilità. Vanno da coloro di cui si fidano di più in base alle esperienze passate. A grandi linee gli elettori sanno a che cosa corrisponde ciascuna candidatura, che cosa rappresenta, che cosa potrà/saprà fare e non fare. Lo scambio commerciale avviene in totale trasparenza, talvolta «a voce alta»: tutti vedono tutto e sentono/ascoltano eventuali critiche, lamentazioni rimproveri, assicurazioni, suggerimenti. Al primo turno gli elettori scelgono la loro candidatura preferita. Se quella candidatura non vince e neppure passa al secondo turno, aiutati dalle dichiarazioni del candidato che non ce l’ha fatta (la vacca già venduta e non più disponibile) e del suo sponsor partitico si riorienteranno valutando anche i segnali e le informazioni provenienti dai mass media verso la candidatura che maggiormente rispecchia le loro preferenze sia di rappresentanza del collegio sia di partecipazione alla eventuale coalizione di governo. In ciascun collegio (in ciascun mercato locale) tutte queste informazioni circolano, sono e rimangono ampiamente disponibili.

In qualche modo, la superiorità del doppio turno sul turno unico all’inglese consiste proprio nella possibilità per l’elettorato di avere/acquisire maggiori informazioni e di cambiare voto a ragion veduta. Peraltro, è certamente possibile che nella maggioranza dei collegi uninominali inglesi (australiani, canadesi, degli USA) le informazioni siano comunque disponibili e abbondanti se la competizione avviene fra candidati che hanno una storia politica in quel collegio dove spesso c’è un candidato in carica, un incumbent. Per rifiutare il doppio turno di collegio non basta affermare in maniera molto erroneamente saccente che nel nostro (italiano) DNA ci sarebbe la proporzionale. È un’affermazione che deriva da una limitata conoscenza della storia, non solo politica, italiana. Dal 1861 al 1919 gli italiani (e i sabaudi anche prima del 1861) hanno votato in collegi uninominali. Lo hanno fatto anche nel 1994, 1996 e 2001. Insomma, quantomeno potremmo sostenere che il nostro DNA accoglie una pluralità di geni.

Silenziosi oppure contrari ai sistemi elettorali provatamente maggioritari esistenti, molti commentatori deprecano quello che chiamano il «ritorno alla proporzionale». Detto che la vigente Legge Rosato già assegna due terzi dei seggi con riferimento proporzionale ai voti ricevuti e che, quindi, il «ritorno» degli italiani alla proporzionale non sarebbe un fenomeno tanto dirompente, sono le motivazioni del gran rifiuto che appaiono a dir poco preoccupanti. Comincio con l’ex Direttore De Bortoli che, facendo riferimento ad un articolo di alcuni economisti pubblicato nel 2007, ci informa che «un passaggio da maggioritario a proporzionale puro aumenta nel medio periodo del 5 per cento la spesa pubblica». Rilevo che, primo, De Bortoli non può riferirsi all’Italia poiché in questo paese non esiste il «maggioritario»; secondo, che l’unico caso che conosco di passaggio da maggioritario a proporzionale (sul «puro» scriverò infra) ebbe luogo ad opera del Presidente socialista François Mitterrand nel 1985. Poi il gollista Chirac vinse le elezioni parlamentari del 1986 e immediatamente ripristinò il maggioritario. Troppo poco tempo per accertare se ci fu un aumento di spesa pubblica del 5 per cento. Quanto all’aggettivo «puro» che connoterebbe un sistema elettorale proporzionale, nella letteratura internazionale sui sistemi elettorali non esiste. Supponendo che puro significhi senza nessuna soglia minima di voti per accedere al Parlamento, esistono soltanto due casi, Israele (popolazione di circa 9 milioni) e Olanda (meno di 18 milioni di abitanti), di circoscrizione unica nazionale. L’Olanda non ha nessuna soglia di accesso. Per evitare la frammentazione del sistema dei partiti, Israele ha recentemente introdotto una soglia del 3,25 per cento, quindi la sua proporzionale è corretta (impura?).

Per fortuna, Aldo Cazzullo ha almeno due importanti certezze: primo, «il proporzionale è un passo indietro». Se il confronto è con la legge Mattarella in larga parte prodotta dal referendum abrogativo del 1993, non si può dargli torto. Se il termine di confronto è la Legge Rosato non è possibile affermare che «il proporzionale» sarà un passo indietro poiché molto/tutto dipende da quale tipo di proporzionale e dalle sue clausole. La seconda certezza di Cazzullo ha basi fragilissime e friabilissime: «Di sicuro il proporzionale, se andrà in porto, servirà di più agli interessi particolari e alla libertà di manovra dei vari leader che alla partecipazione e al potere decisionale degli elettori». Provando a spacchettare questa affermazione vedo un proporzionale indefinito (dimensione delle circoscrizioni, esistenza di clausole di accesso/esclusione, formula per l’attribuzione dei seggi), quindi non valutabile. Sembra che Cazzullo ritenga che tutti, ovunque e comunque, i sistemi elettorali proporzionali (ne esiste una notevole varietà) servono agli interessi particolari e alla libertà di manovra dei vari leader». Anche, per esempio, in Germania? Non so (è una espressione retorica) quanto i «vari leader» di tutte le democrazie dell’Europa occidentale, ad eccezione della Francia e della Gran Bretagna, sarebbero disponibili a vedere nelle leggi elettorali proporzionali che usano da molti decenni e, nei paesi nordici, ininterrottamente da quasi un secolo e mezzo, uno strumento per i loro interessi particolari e la loro libertà di manovra e non piuttosto per dare buona e adeguata rappresentanza parlamentare e politica ai loro cittadini accompagnata da soddisfacenti percentuali di votanti e dalla possibilità di creare nuovi partiti e accedere al parlamento superando le soglie anti-frammentazione che pure esistono. Quanto «al potere decisionale degli elettori» confesso di non capire a che cosa si riferisca Cazzullo (e non voglio pensare che si riferisca all’elezione del governo, o sì?) Come si estrinseca quel potere decisionale? In quale paese o paesi gli elettori hanno maggiore potere decisionale? Si potrebbe aprire qui una bella pagina nella quale discutere delle modalità di scelta dei candidati, della democrazia interna ai partiti, dell’esistenza o meno del voto di preferenza (preferenza unica: remember il referendum del giugno 1981 con Craxi che suggerì di andare al mare?), delle scandalose candidature plurime. Another time another place.

Quello che è sicuro, secondo Cazzullo, è che «il proporzionale non funziona l’aveva già capito De Gasperi». Ridurre la storia di un episodio importante come quello della formulazione e dell’utilizzazione nonché del fallimento della legge del 1953, dalle opposizioni giustamente definita «truffa», al «non-funzionamento» del proporzionale richiede una notevole dose di coraggio. Immagino lo sconcerto dalla Svezia al Portogallo, dalla Norvegia alla Spagna, di fronte al giudizio senza appello «avete usato già fin troppo a lungo una legge elettorale che non funziona». Dopo la smarrimento iniziale, qualcuno potrebbe ipotizzare che sono i premi di maggioranza innestati su sistemi elettorali proporzionali: Legge Scelba del 31 marzo1953: Legge Calderoli del 2005; Legge Italicum del 2016, che non «funzionano». Poi, quel qualcuno dovrebbe spiegare che cosa significa il «non-funzionamento» di una legge elettorale. Non è affatto vero che, come scrive Cazzullo, De Gasperi capì che «il proporzionale puro non funziona». Al contrario, funzionava benissimo per dare rappresentanza ai partiti che si presentavano alle elezioni. Il problema era l’indebolimento dei partiti della coalizione centrista (PLI, DC, PRI, PSDI) al governo e la crescita, peraltro non irresistibile (che qualsiasi proporzionale mantiene lenta) del Movimento Sociale Italiano accompagnata dalle pressioni di non pochi cardinali italiani su De Gasperi affinché si predisponesse ad accogliere i neo-fascisti nella coalizione di governo. Il premio di maggioranza, che sarebbe stato dato ad una coalizione che, dichiaratasi tale, avesse ottenuto almeno il 50 per cento dei voti, serviva a rendere il centrismo totalmente svincolato dalla necessità di fare affidamento su altri partiti, a cominciare proprio dal MSI, e del tutto indipendente da pressioni esterne a cominciare da quelle del Vaticano.

Concluderò a voce alta. Se i comunicatori utilizzano una corazzata come il «Corriere della Sera» trasmettendo informazioni parziali, superficiali, leggermente manipolate, ad arte o per insufficienti conoscenze, fuorvianti quando non addirittura sbagliate in modo clamoroso, come potranno mai i lettori migliorare le loro conoscenze sulle regole del gioco e diventare buoni cittadini?

Coda: con quale sistema elettorale riusciremo ad avere il «governo dei migliori»? Questo è il tema posto con forza dal momento del conferimento dell’incarico di Presidente del Consiglio al Professor Mario Draghi la cui azione è destinata, secondo non pochi commentatori politici anche del «Corriere della Sera» addirittura a ristrutturare la politica che si sarebbe distrutta con la caduta del governo Conte. Mantengo tutta la distanza possibile da entrambe le tesi.

(1)* Faccio esclusivo riferimento al «Corriere della Sera» e ai suoi giornalisti poiché è il quotidiano che in questi anni ha dato maggiore spazio alle tematiche istituzionali incorrendo, più o meno inevitabilmente, in una serie di inesattezze e di errori anche gravi. Naturalmente, sarò (in una in-certa misura) lieto se si aprisse un confronto.

Governo e opposizioni: non solo blah blah blah

Spudoratamente, i giallo-verdi comunicano un po’ di tutto: il fatto (poco, ma reale); il non fatto (molto, rinviato al futuro) ; il malfatto (variabile). Si scambiano colpi, ma vanno avanti. Se le opposizioni dicono che sono divisi su tutto, sbagliano. Se dicono che il governo è bloccato, sbagliano. Le accuse generali non fanno breccia nel sistema comunicativo. Le opposizioni debbono battere con precisione su punti specifici e offrire proposte alternative credibili. Nel blah blah blah, Salvini e Di Maio, nell’ordine, hanno già vinto.