Home » Posts tagged 'esercizio del voto'

Tag Archives: esercizio del voto

Occuparsi di chi non vota

 

All’incirca il 30 per cento di elettori italiani si astiene con regolarità e convinzione, qualche volta con irritazione altre volte per rassegnazione. Sappiamo che ci sono astensionisti, per così dire, di opinione. Con il non-voto esprimono di volta in volta la loro opinione negativa sulla politica, sui partiti e sui candidati. Ci sono anche molti astensionisti involontari che, a determinate condizioni, voterebbero e voteranno, se non fossero ammalati o impossibilitati a recarsi alle urne poiché sono in vacanza o sono fuori città, fuori Italia, per motivi di lavoro o di studio. Per la grandissima maggioranza di loro non basterebbe estendere di mezza giornata, al lunedì mattina, la possibilità di votare. Invece di questa banale e un po’ furbesca operazione, partiti e governanti dovrebbero ricorrere ad uno strumento molto semplice già adottato in numerose democrazie (dagli USA alla Germania alla Svezia): il voto per posta.

Gli studenti che vanno all’estero grazie al programma Erasmus sanno quando partiranno e quando ritorneranno (a meno che vogliano fare i “cervelli in fuga”). Gli industriali che investono e lavorano in Europa e nel mondo conoscono i loro impegni molto tempo prima del voto. Molti di loro si organizzerebbero chiedendo e spedendo tempestivamente la scheda elettorale. Persino i turisti non per caso potrebbero ricorrere al voto per posta. Centinaia di migliaia di elettori sarebbero messi in condizione di esercitare un loro diritto. Naturalmente, pure ridimensionato, il problema non sarebbe affatto risolto perché l’astensionismo è un problema politico, non semplicemente tecnico.

Quando cercano rimedi “tecnici” partiti e governanti lo fanno, in maniera un po’ ipocrita, per dimostrare che sono interessati alle opinioni che i cittadini esprimono con il loro voto. Però, i politici e la maggior parte dei commentatori dimenticano, o non sanno, che il voto dei loro concittadini è, salvo eccezioni “ideologiche” oramai molto rare, la risposta all’offerta: di rappresentanza, di politiche specifiche, di decisioni su tematiche, di governo e di opposizione, che partiti e candidati dovrebbero fare e sapere fare. Se l’offerta è vaga, di bassa qualità, di incerta attuabilità, simile per molti partiti, non ne consegue nessuno stimolo alla partecipazione elettorale dei cittadini. La loro vita non cambierà, né in meglio né in peggio, con la vittoria di alternative pallide e sbiadite, di politici incolori e spesso trasformisti. Se tutto quello che l’elettore può fare è tracciare una crocetta sul simbolo di un partito (che magari quel simbolo e persino il nome lo ha cambiato due o tre volte), allora andare al mare è un’opzione di gran lunga preferibile, più saggia, più gratificante.

La (poca) cultura politica italiana di fondo non indirizza alla partecipazione, elettorale e politica. In più, i politici, specialmente i nuovi politici, ci hanno messo del loro. Le campagne elettorali si svolgono comodamente nei salotti televisivi dove il chiacchiericcio politico tutto avvolge e rende opaco. Lontanissimo è lo spettacolo delle primarie presidenziali USA (e poi per i rappresentanti stato per stato), con i candidati che tengono comizi, stringono mani, baciano i bambini e, addirittura, propongono soluzioni per i problemi locali (e nazionali). Lontana è anche l’esperienza inglese dove, grazie ai collegi uninominali, all’incirca 90 mila elettori ciascuno, i candidati fanno tuttora campagna door-to-door, porta a porta, sempre disposti a condividere una tazza di thè! Tornare a parlare con gli elettori non è un compito facile per i partiti italiani e i loro candidati, ma, nel medio periodo, è l’unico modo che farebbe migliorare quel rapporto con la politica che solo può convincere i cittadini astensionisti a tornare alle urne per dare un giudizio sull’offerta politica di partiti e candidati.

Pubblicato AGL 22 maggio 2016

Cittadini, non astensionisti!

A cominciare dal citatissimo, ma inapplicatissimo, art. 3: “è compito della Repubblica [la Repubblica siamo, ovviamente, tutti noi, con maggiori responsabilità per i governanti e i rappresentanti] rimuovere gli ostacoli che impediscono l’effettiva partecipazione dei lavoratori”, la Costituzione italiana contiene ripetuti inviti ed apprezzamenti per coloro che effettivamente partecipano. L’art. 48 è il più esplicito degli inviti poiché afferma a chiarissime lettere che l’esercizio del voto è “dovere civico”, vale a dire, dovere dei cittadini, a partire da coloro ai quali il successivo art. 49 conferisce il diritto di “associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”.

Chi sostiene che l’astensione è un comportamento elettorale messo dai Costituenti sullo stesso piano del voto espresso, in particolare nei casi di referendum abrogativi, sbaglia. I Costituenti si limitano a prendere atto che l’astensione è un comportamento possibile e lecito che produce conseguenze: il fallimento del referendum abrogativo. L’astensione conta e deve essere contata, ma non le si deve attribuire la stessa rilevanza etica del voto dei cittadini. Tanto è vero che gli stessi Costituenti sancirono che, nel caso del molto più importante referendum costituzionale, agli astensionisti, ovvero a coloro che, più o meno deliberatamente, scelgono di non andare a votare, non viene consentito di influenzare in nessun modo l’esito del voto. Conteranno soltanto i “no” e i “sì”, vale a dire i voti di coloro, buoni cittadini, che sono interessati alla specifica revisione costituzionale, si sono informati, hanno impegnato energie e tempo per capire e per partecipare.

Curiosamente, la stessa revisione dell’istituto referendario contenuta nel pacchetto di Renzi sembra mirare a ridurre l’incidenza del non/voto. Infatti, alzate le firme per la richiesta di referendum, la nuova procedura stabilisce che il quorum sarà valutato con riferimento, non a tutti i potenziali elettori, ma alla percentuale di elettori che hanno votato nelle precedenti elezioni politiche. In questo modo, gli astensionisti “cronici” vengono privati di un potere che non merita di essere nelle loro mani e i votanti vedono leggermente accresciuto il loro potere di concorrere a determinare il nuovo quadro nel quale opera la politica nazionale.
Qualsiasi invito all’astensione significa porre un ostacolo all’effettiva partecipazione dei lavoratori. Non soltanto di quell’invito non si sente affatto il bisogno e non vi è traccia nella Costituzione, ma è in verticale contraddizione con l’ultima scoperta renziana: la democrazia decidente, che è tale, al vertice, se sostenuta da cittadini, non astensionisti, ma essi stessi decidenti. Altrimenti, è una burla.

Pubblicato AGL 17 aprile 2016