Home » Posts tagged 'europa'

Tag Archives: europa

La storia non è finita: l’Europa dopo il 1989 #seminario #29ottobre @UnivRoma3

In occasione del 30° anniversario della caduta del muro di Berlino, riflettiamo sulla nostra identità europea, sospesa tra memorie divise e sfide comuni. Quale Europa dopo il 1989? La caduta del Muro di Berlino segna l’affermazione della libertà in uno scenario post-ideologico, in cui però oggi tornano a dilagare populismo, ideologie sovraniste e crisi dei valori democratici.

29 Ottobre 2019, ore 17
Dipartimento di Scienze della Formazione, Aula Volpi
Via del Castro Pretorio, 20 – Roma

La storia non è finita: l’Europa dopo il 1989

Con Gianfranco Pasquino, Professore emerito di Scienza politica dell’Università di Bologna e la scrittrice franco-tedesca Géraldine Schwarz, Prix du livre européen 2018 per Les amnesiques / Die Gedächtnislosen: Erinnerungen einer Europäerin (“I senza memoria”).

PROGRAMMA

VIDEO Diálogo “El Futuro Político de Europa” #Barcelona @ClubTocqueville

 

Hora: 19h
Lloc: Seu de les Institucions Europees a Barcelona (Passeig de Gràcia, 90)Amb Gianfranco Pasquino, Catedràtic de Ciència Política de la Universitat de Bolonya; Pilar del Castillo, eurodiputada del PPE i ex ministra d’Educació; i Enrique Barón Crespo; ex president del Parlament Europeu.Moderat per Ana Mar Fernández, Càtedra Jean Monnet en Polítiques Europees de la UAB.Benvinguda de Sergi Barrera, Cap de l’Oficina del Parlament Europeu a Barcelona.
Hora: 19h
Lugar: Sede Instituciones Europeas en Barcelona (Paseo de Gracia, 90)Con Gianfranco Pasquino, Catedrático de Ciencia Política de la Universidad de Bolonia; Pilar del Castillo, eurodiputada del PPE y ex ministra de Educación; y Enrique Barón Crespo, ex presidente del Parlamento EuropeoModerado por Ana Mar Fernández, Cátedra Jean Monnet en Políticas Europeas de la UAB.Bienvenida de Sergi Barrera, Jefe de la Oficina del Parlamento Europeo en Barcelona.

Diálogo “El Futuro Político de Europa” #14Jun #Barcelona @ClubTocqueville

Hora: 19h
Lloc: Seu de les Institucions Europees a Barcelona (Passeig de Gràcia, 90)Amb Gianfranco Pasquino, Catedràtic de Ciència Política de la Universitat de Bolonya; Pilar del Castillo, eurodiputada del PPE i ex ministra d’Educació; i Enrique Barón Crespo; ex president del Parlament Europeu.Moderat per Ana Mar Fernández, Càtedra Jean Monnet en Polítiques Europees de la UAB.

Benvinguda de Sergi Barrera, Cap de l’Oficina del Parlament Europeu a Barcelona.

Hora: 19h
Lugar: Sede Instituciones Europeas en Barcelona (Paseo de Gracia, 90)Con Gianfranco Pasquino, Catedrático de Ciencia Política de la Universidad de Bolonia; Pilar del Castillo, eurodiputada del PPE y ex ministra de Educación; y Enrique Barón Crespo, ex presidente del Parlamento EuropeoModerado por Ana Mar Fernández, Cátedra Jean Monnet en Políticas Europeas de la UAB.

Bienvenida de Sergi Barrera, Jefe de la Oficina del Parlamento Europeo en Barcelona.

El futur d’Europa davant el nou escenari polític #Barcelona 13 de juny

L’Institut de Ciències Polítiques i Socials (ICPS), la Càtedra Jean Monnet en Polítiques Europees, i la Càtedra Jean Monnet en Governança Europea es complauen a convidar-vos a la tercera sessió del Cicle de Conferències “Diàlegs sobre Europa. Present i futur de les polítiques europees davant l’escenari de les eleccions al Parlament Europeu

13 de juny de 2019 18.30 hores
Auditori del Pati Manning, c/ Montalegre 7, Barcelona

El futur d’Europa davant el nou escenari polític

Gianfranco Pasquino, Catedràtic Emèrit de Ciència Política, Università degli Studi di Bologna
Joan Botella, Catedràtic de Ciència Política, Universitat Autònoma de Barcelona
Ana Mar Fernández Pasarín, Càtedra Jean Monnet en Polítiques Europees, Universitat Autònoma de Barcelona

Populismo: la sfida e la risposta

I fattori economici, vale a dire disoccupazione, redditi bassi, disagi personali e familiari contano abbastanza nel produrre e nel sostenere leader e movimenti populisti. Più importanti, però, forse addirittura decisivi, sono i fattori culturali: persone e comunità che temono che gli immigrati scombussolino e turbino i loro stili di vita, i loro valori, i loro rapporti sociali e violino impunemente le regole scritte e non scritte. Questi timori non debbono essere “deplorati”, ma capiti. Meritano una risposta alta e convincente.

 

Quale Europa. Conoscere per decidere #15maggio #GreveinChianti #Firenze #Europa30Lezioni @UtetLibri

Riflessioni sull’Europa di ieri, oggi e domani

Quale Europa. Conoscere per decidere

ne parliamo con

Gianfranco Pasquino

 autore del volume

L’Europa in trenta lezioni

 

mercoledì 15 maggio 2019 ore 21
Greve in Chianti
Sala Casa del Popolo
via L. Cini, 5

L’Europa che c’è, l’Europa che vorremmo #14maggio #Vicenza #ElezioniEuropee2019

Conferenza organizzata da Anpi Vicenza, AVL Vicenza e Istrevi con il patrocinio del Comune di Vicenza

Palazzo Cordellina
Contrà Riale 12
martedì 14 maggio 2019
ore 17.30

Gianfranco Pasquino

L’Europa che c’è, l’Europa che vorremmo

Campagna elettorale permanente o inesistente?

Ripetendo ossessivamente, come fanno troppi giornalisti e commentatori, che Salvini più di Di Maio sono in campagna elettorale permanente, che cosa abbiamo svelato e/o imparato?: che la campagna elettorale permanente ha poco non ha quasi niente a che vedere con le prossime importanti votazioni per eleggere il Parlamento europeo. Quante e quali informazioni utili per la loro scelta europea otterranno gli elettori italiani da come sarà risolto il caso Siri, sottosegretario leghista indagato per corruzione? Che cosa di rilevante per l’Unione Europea dice loro la fotografia di Salvini che parla dal balcone del comune di Forlì dal quale si affacciava Benito Mussolini? Specularmente, che cosa penseranno i governanti degli Stati-membri dell’UE, nessuno dei quali cambierà di qui ad ottobre, poiché non ci saranno altre elezioni nazionali dopo quelle recenti in Spagna, della posizione dell’Italia rispetto all’UE? Sono certamente interessati a conoscere quanto potere ha il Presidente del Consiglio Conte, da qualcuno accusato di essere un burattino nelle mani di Salvini e Di Maio. Infatti, burattino o no, Conte dovrà decidere, salvo imprevisti non del tutto improbabili (autodimissioni di Siri), dimostrando le sue preferenze e reali capacità, non di avvocato del popolo, ma di capo di un governo di coalizione. Avere un capo di governo credibile nell’UE sarebbe una buona notizia per gli italiani che, dalla campagna elettorale permanente, non hanno finora avuto elementi utili per eleggere con un utilissimo voto gli europarlamentari italiani. Da Giorgia Meloni viene la richiesta di un voto per andare “in Europa per cambiare tutto”. Lo slogan, che proposta programmatica non è, del PD di Zingaretti pone l’accento sul lavoro affidando a più rappresentanti del PD nel Parlamento europeo il problema di come affrontare e risolvere il problema del lavoro in Italia. Candidato capolista in quattro circoscrizioni su cinque, Berlusconi si presenta come colui che darà vita a una coalizione contro le sinistre, i verdi, i liberali e che comprenderà Popolari, Conservatori e, grande novità, i non meglio definiti sovranisti “illuminati”. Non sarà, però, facilissimo convincere l’ungherese Orbán ad abbandonare la sua autodefinizione di democratico illiberale e “illuminare” il sovranista Salvini affinché, poi, torni nel suo alveo naturale italiano: il centro-destra. Tra chi vuole “più Europa” (la lista di Emma Bonino), chi ne vuole meno a casa propria (i sovranisti delle varie sfumature), chi (Calenda) sostiene di “essere [già] europeo”, ma vuole uno Stato nazionale forte, e chi vuole cambiarla tutta l’Europa (Fratelli d’Italia) senza dirci come, è difficile che l’elettorato italiano sia in grado di scegliere a ragion veduta chi rappresenterà meglio le sue preferenze, anche ideali, e i suoi legittimi interessi in sede europea. Fin d’ora è possibile dire che la campagna elettorale permanente combattuta fra Cinque Stelle e Lega su tematiche italiane, comunque vada a finire, non rafforzerà le posizioni italiane a Bruxelles.

Pubblicato AGL il 8 maggio 2019

INVITO L’Europa che vorremmo #7maggio #Mira #Venezia

Evento organizzato da ANPI Venezia – Comitato Provinciale

UN’EUROPA PER IL LAVORO, I DIRITTI, LA DEMOCRAZIA, LA SOLIDARIETÀ E LA PACE

Partecipano:

Gianfranco Pollio Salimbeni
Comitato Esecutivo Federazione Internazionale delle Resistenze

Christian Ferrari
Segretario generale CGIL Veneto

Gianfranco Pasquino
Professore emerito di Scienza politica

Modera
Diego Collovini
Presidente comitato provinciale ANPI Venezia

7 maggio ore 17:30
Villa dei Leoni
Riviera S. Trentin, 5
Mira Venezia

Governo e opposizioni: non solo blah blah blah

Spudoratamente, i giallo-verdi comunicano un po’ di tutto: il fatto (poco, ma reale); il non fatto (molto, rinviato al futuro) ; il malfatto (variabile). Si scambiano colpi, ma vanno avanti. Se le opposizioni dicono che sono divisi su tutto, sbagliano. Se dicono che il governo è bloccato, sbagliano. Le accuse generali non fanno breccia nel sistema comunicativo. Le opposizioni debbono battere con precisione su punti specifici e offrire proposte alternative credibili. Nel blah blah blah, Salvini e Di Maio, nell’ordine, hanno già vinto.