Home » Posts tagged 'Presidente Emerito Napolitano'

Tag Archives: Presidente Emerito Napolitano

Una riforma che soffocherà la voce dei cittadini

I Democratici s’affannano a sostenere che la legge elettorale che porta il nome latinizzato (Rosatellum) del capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei Deputati Ettore Rosato è buona, la migliore nelle condizioni date. Se fosse così buona non si capirebbe perché la sua approvazione abbia dovuto essere imposta con un voto di fiducia alla Camera dei Deputati e cinque voti di fiducia al Senato subendo le “pressioni esterne”del segretario del PD Matteo Renzi, denunciate dal Presidente Emerito Napolitano. Dopo avere urlato che l’Italicum era una straordinaria legge elettorale poiché avremmo tutti conosciuto il nome del vincitore la sera stessa del voto e ci sarebbe stato un partito (mai una litigiosa coalizione) che, grazie al premio in seggi, avrebbe garantito la governabilità, i renziani hanno scritto e imposto una legge che non consentirà di conoscere subito il vincitore (elemento, comunque, nient’affatto importante), che il vincitore non sarà mai un partito e neppure una coalizione poiché né la coalizione che farà il PD né quella che, fantasiosamente, metterà insieme Berlusconi avranno la maggioranza assoluta dei seggi, che la prossima coalizione di governo, inevitabilmente esposta a tensioni e compromissioni sarà un pateracchio fra centro-sinistra e centro-destra. Dunque, non ci saranno le premesse per la tanto desiderata governabilità che, incidentalmente, dipende non soltanto dai numeri, ma dalle competenze e dalla qualità della leadership politica che è lecito dubitare esistano in maniera abbondante nei due schieramenti.

Quanto alla rappresentanza delle preferenze, degli interessi, degli ideali dei cittadini viene tutta sacrificata alle esigenze dei partiti, delle correnti e dei loro capi: avere parlamentari fedeli, consapevoli di essere debitori del loro seggio e della loro futura eventuale ri-candidatura a chi li ha designati. Infatti, agli elettori italiani questa legge nega tutto quello che hanno gli elettori delle altre democrazie parlamentari. Gli italiani potranno soltanto tracciare una crocetta. Se lo fanno sul nome del candidato nel collegio uninominale il loro voto si estende a tutti i partiti che compongono la coalizione della quale quel candidato è espressione (e viceversa). Ad esempio, votando il candidato del PD il voto andrà anche, probabilmente, alla lista di Alfano. Altrove, invece, come in Francia il collegio è uninominale davvero e il voto va a ciascun specifico candidato oppure, come in Germania, il voto è doppio e disgiunto. È possibile scegliere un candidato nel collegio uninominale e un partito diverso nella lista proporzionale. Altrove, ancora, nella maggioranza degli Stati membri dell’Unione Europea ci sono modalità diverse grazie alle quali gli elettori possono sovvertire la lista stilata dai capipartito dei candidati del loro partito.

Stanno circolando le cosiddette simulazioni sulle conseguenze che la legge Rosato avrà sul prossimo Parlamento. A cinque mesi dalle elezioni quelle simulazioni non sono molto significative. Certo, potremmo anche rallegrarci alla notizia che Rosato perderà nel suo collegio uninominale, ma sappiamo che, grazie alle candidature multiple potrà essere capolista in cinque circoscrizioni cosicché il suo trionfale ritorno a Montecitorio è garantito. Una buona legge elettorale non deve essere fatta per garantire i dirigenti di partito e i seggi loro e dei loro fidati e fedeli (servili?) collaboratori. Non soltanto gli elettori non avranno nessuna influenza su chi andrà in Parlamento, ma i predestinati non avranno nessun interesse a rapportarsi a elettori che non conoscono e dai quali non è dipesa la loro elezione e non dipenderà la loro ri-elezione. Asfaltata la rappresentanza politica, dunque, grazie alla pessima formulazione di Rosato, se ne va anche la responsabilità/responsabilizzazione degli eletti. Zittiti i parlamentari con il voto di fiducia, la nuova legge elettorale, per qualche verso quasi peggiore del Porcellum, soffocherà quasi completamente la voce dei cittadini italiani.

Pubblicato AGL il 27 ottobre 2017

Un esecutivo politico per le riforme

Un No molto ampio e sonoro ha bocciato le riforme, pasticciate, confuse e un tantino costituzionalmente pericolose del governo Renzi-Boschi. Tuttavia, coloro che, sia pronunciandosi a favore sia opponendovisi, hanno fatto campagna elettorale o l’hanno seguita da vicino sono pienamente consapevoli che alcune riforme possono e debbono essere fatte. In maniera condivisa e condivisibile, passata la buriana, il percorso riformatore può ripartire da un punto più avanzato e meglio attrezzato e procedere rapidamente.

Inevitabili, a causa dell’ingente personalizzazione delle “sue” riforme e della “sua” campagna elettorale, spinta sostanzialmente sulla soglia del plebiscitarismo e, talvolta, persino un po’ al di là, sono state le dimissioni di Renzi. Le aveva preannunciate, anche come strumento per raccogliere i voti di elettori che temessero l’instabilità governativa. Ha dovuto darle per stare alla parola data già violata quando, pur avendo assicurato che sarebbe andato a Palazzo Chigi solo dopo un passaggio elettorale, accettò (o sollecitò) l’incarico da Napolitano (il Presidente Emerito, troppo espostosi, è l’altro sconfitto eccellente del referendum). Adesso, è tornata l’ora di fare parlare la Costituzione per la bocca autorevole del Presidente Mattarella. E la Costituzione italiana, pur nella sua innegabile flessibilità, certamente voluta dai Costituenti, costituisce una guida preziosa per la costruzione di un futuro accettabile nel breve e nel medio termine.

Forse Mattarella chiederà a Renzi di dimettersi in Parlamento, com’è la prassi nelle democrazie parlamentari, spiegando che cosa è successo, che cosa ha imparato, che cosa pensa che il Parlamento in carica debba e sia in grado di fare. D’altronde, è stato lo stesso Renzi a ripetere più volte che la legislatura terminerà alla sua scadenza naturale, tra febbraio e marzo 2018. Non si potrà arrivare a quella data né con un “governicchio tecnichicchio” (alate parole di Renzi) né con un governo che non sia affidato a un esponente del Partito Democratico. Data la sua notevole, ancorché gonfiata dal premio in seggi, maggioranza alla Camera dei Deputati, il Partito Democratico ha il diritto politico, ma anche il dovere istituzionale di costruire un governo capace di svolgere i due compiti fondamentali che rimangono in questa legislatura: primo, emendare e approvare una solida Legge di Bilancio che risponda alle regole europee e che soddisfi la, giustamente esigente, Commissione europea; secondo, riscrivere l’Italicum, tenendo in grandissimo conto i rilievi che certamente saranno fatti dalla Corte Costituzionale oppure, meglio, a mio modo di vedere, scrivere ex-novo una legge elettorale per la Camera e per il Senato. Se, poi, Mattarella non fosse troppo timido potrebbe suggerire il ritorno, con qualche opportuna modifica, alla legge di cui fu relatore più di vent’anni fa e che diede risultati apprezzabili.

Se Renzi non si metterà di traverso e, comportandosi quasi da statista, consentirà per il bene del paese al suo partito di esprimere un nuovo capo di governo, saranno fatte cadere tutte le richieste di elezioni anticipate e immediate per le quali non esistono le condizioni minime necessarie e che rischierebbero di aprire una fase tormentata inevitabilmente accompagnata dall’acuirsi di problemi economici. Sarà anche vero che gli italiani danno il meglio di sé nell’emergenza. Tuttavia, credo che sarebbe di gran lunga preferibile se, da subito, imparassero a governare e a farsi governare nella quotidianità secondo le regole della Costituzione che non hanno voluto sovvertire, ma che hanno deciso di mantenere. Hic et nunc: qui e adesso.

Pubblicato AGL 6 dicembre 2016

Senato. La fretta è nemica del bene

La lettera al “Corriere della Sera” del Presidente Emerito Napolitano è stata un intervento a gamba tesissima per invitare ad andare avanti nella modifica di quello che molti, sbagliando, continuano a chiamare bicameralismo “perfetto”. Però, la riforma che dovrebbe produrre il bicameralismo imperfetto è, Napolitano per primo lo sa certamente, abborracciata, brutta, male inseribile nel contesto dei rapporti fra “governo-Parlamento-Presidente della Repubblica”. I tempi per fare facilmente meglio ci sono tutti dal momento che il Presidente del Consiglio avvisa un giorno sì e quello dopo anche che intende arrivare fino al 2018. Sbagliato e offensivo è pensare, come ha sostenuto Renzi, che gli oppositori della sua riforma (la maggioranza dei quali non saranno comunque rieletti) siano interessati soltanto al mantenimento della prestigiosa carica senatoriale e della relativa indennità. Invece, i problemi sono almeno di tre tipi. Il primo riguarda le modalità di selezione dei Senatori, non più eletti, ma tutti variamente nominati dai Consigli regionali, tranne cinque nominati dal Presidente della Repubblica. Almeno su questi, Napolitano avrebbe dovuto dire “no, grazie” e, magari, Mattarella farebbe ancora in tempo a esprimersi in questo senso.

Non è neppure da demonizzare l’idea che i cento senatori siano eletti dagli italiani, ma il secondo problema è quali attività dovranno svolgere e quali poteri manterranno. Infatti, relegare il Senato ad attività marginali e togliergli poteri reali (il punto del contendere è il voto di fiducia) significa preservare in vita un organismo inutile. Allora, meglio sopprimerlo coraggiosamente dando soddisfazione a tutti coloro che semplicisticamente credono, sbagliando, che l’instabilità e l’inefficacia dei governi derivi dal bicameralismo all’italiana. Se la proposta di monocameralismo venisse da Napolitano, attualmente senatore a vita, acquisirebbe maggiore credibilità e vigore. Infine, il problema più grande e più serio è l’enorme squilibrio istituzionale prodotto dal Senato ridimensionato e indebolito. Al riguardo, gli oppositori della riforma hanno sicuramente ragione e attendono risposte convincenti. Con l’approvazione dell’Italicum, in attesa che si ponga rimedio ai suoi subito evidenti difetti e inconvenienti, si è avuto un enorme spostamento di potere nelle mani di una maggioranza artificialmente creata dal premio in seggi.

Tutto il sistema costituzionale ne subirà contraccolpi, potendo quella maggioranza esautorare, anzitutto, il Presidente della Repubblica che dovrà limitarsi a ratificare come Presidente del Consiglio il capo della maggioranza premiata e non avrà più nessuna discrezionalità in materia di (non)scioglimento del Parlamento. Quella maggioranza, incidentalmente, fatta da parlamentari “nominati”, si eleggerà facilmente il prossimo Presidente della Repubblica e farà man bassa dei cinque giudici costituzionali di elezione parlamentare. Per quanto (populisticamente) attraente possa essere l’idea di mandare a casa 215 senatori e di mantenerne soltanto 100 a carico delle casse delle Regioni, nessuno dovrebbe perdere di vista i gravissimi equilibri sistemici della riforma. Quindi, l’invito riformatore non dovrebbe affatto essere ad andare avanti, ma a fermarsi, riflettere, guardare alle seconde camere meglio funzionanti altrove, su tutte il Bundesrat tedesco, a cambiare verso. Riformare (male) non è un successo di prestigio. Non ci corre dietro nessuno: non l’Unione Europea, non il Fondo Monetario, meno che mai la Banca Centrale Europea. Neanche l’abitualmente molto riflessivo Napolitano dovrebbe cedere a una procurata, ma non reale e non necessaria, fretta.

Pubblicato AGL 9 agosto 2015