Home » Uncategorized » Centottantanove click di coscienza e i venditori di fumo

Centottantanove click di coscienza e i venditori di fumo

Torno, cari lettori, sullo scambio epistolare intercorso tra me ed il Sen. Pietro Ichino sul voto in Senato per il Sen.Antonio Azzollini –  Quando il voto di coscienza viene da un click   e pubblicato, con qualche ritocco, anche dal Sen. Ichino nella sua newsletter 10.08.2015 – n. 357  ove mi accusa di non entrare nel merito. Neanche loro dovevano entrare nel merito, ma valutare l’esistenza del fumus persecutionis…

Questa la mia risposta alla sua newsletter:

Rimane curioso il fatto, caro Senatore Ichino, che la possibilità di accedere alle carte con un clic lei l’abbia menzionata soltanto dopo che il vostro costituzionalista di riferimento e di Renzi gliel’ha suggerita. Infatti, il primo verbo da lei usato é stato “ricevuto le carte”. Ichino non é un quivis de Senatu. Quando entra in un terreno scivoloso lui, immaginarsi gli altri.
Molto allegramente
Gianfranco Pasquino

Per chi si fosse persa la puntata precedente eccola QUI


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: