Home » Uncategorized » La “svoltina” delle cinque stelle

La “svoltina” delle cinque stelle

Corriere di Bologna

Per noi che sappiamo che la legge non è mai eguale per tutti e che vediamo, senza scandalo, che è variamente applicata, il cambiamento acrobatico di Grillo, approvato da una maggioranza russa (i bulgari hanno da tempo un sistema multipartitico competitivo), sul non automatismo delle sanzioni agli aderenti al Movimento non arriva di sorpresa. La nuova (non)regoletta è che gli avvisi di garanzia non avranno conseguenze per chi è incappato nei cosiddetti “rigori” della legge. Bisognerà aspettare, fiduciosamente, un’eventuale condanna in primo grado. Dopodiché, eventualmente, si potrà procedere alla critica nei confronti della magistratura che incrimina e poi assolve.

La “svoltina” di Grillo che, comunque, in quanto Garante massimo continuerà ad avere la prima e, come spesso vuole, l’ultima parola, merita due riflessioni. La prima concerne il Movimento nel suo insieme, da tempo oramai costretto a cambiare regole e procedure a fronte delle sfide del sistema politico. Non essendo finora riusciti a cambiare la politica sono costretti a lasciarsi, più o meno riluttantemente, cambiare dalla politica. Questo avviene soprattutto quando alle costrizioni della politica giorno dopo giorno s’accompagnano quelle del governare, parola grossa, in particolare se riferita a quanto sta succedendo a Roma dal giugno 2016. Lo stillicidio di guai giudiziari sulle nomine del sindaco Raggi non solo ha diviso il Movimento, ma ha allarmato non poco Grillo. Quella che doveva essere la vetrina del buongoverno in attesa dell’assalto a Palazzo Chigi rischia di diventare un macigno sulla strada di un’eventuale, non ancora improbabile, vittoria elettorale.

Ai ritmi ai quali procedevano le espulsioni, mal giustificata nel caso del sindaco di Parma Pizzarotti, rapidissime all’inizio dell’esperienza parlamentare, a orologeria nel caso di Roma, faceva la sua comparsa il rischio che la battaglia finale sarebbe combattuta dai grillini contro gli ex-grillini. Rammento che tempo fa la previsione, rivelatasi alquanto erronea, era quella dello scontro fra comunisti e ex-comunisti, entrambi, adesso lo sappiamo, sconfitti dagli ex-democristiani. La seconda riflessione è che, mentre alza il tiro, non sempre a torto, contro la stampa, Grillo prende le distanze dalla magistratura. Non consentirà che siano le inchieste a influenzare selezioni, assunzioni, espulsioni. Tuttavia, e questo vale per tutti i protagonisti politici, la ritrovata autonomia della politica sarebbe più apprezzabile se s’accompagnasse a un codice etico severo, da applicare ai nemici e agli amici, senza furbizie.

Pubblicato il 5 gennaio 2017


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: