Home » Uncategorized » I FIGLI DI ARES Guerra infinita e terrorismo #Firenze 25 gennaio 2017

I FIGLI DI ARES Guerra infinita e terrorismo #Firenze 25 gennaio 2017

LEGGERE PER NON DIMENTICARE

ciclo d’incontri a cura di Anna Benedetti

Biblioteca delle Oblate – Via dell’ Oriuolo 24 – Firenze

Mercoledì 25 gennaio 2017 – ore 17.30

 

UMBERTO CURI

 I FIGLI DI ARES

Guerra infinita e terrorismo (Castelvecchi, 2016)

Introduce:

Gianfranco Pasquino professore Emerito di Scienza politica

 

 

Non può essere pacifico un mondo in cui la maggior parte delle risorse economiche, monetarie, energetiche e alimentari sono riservate a una minoranza della popolazione. Parte da qui la riflessione sulla guerra e il terrorismo dello storico della filosofia Umberto Curi. L’asimmetria della nuova guerra congiunta all’asimmetrica distribuzione delle risorse a livello planetario, dovrebbe essere sufficiente “a far intravedere quale sia il grembo che alimenta la perpetuazione e il rafforzamento del terrorismo”. La crescita simbiotica del divario tra l’opulenza dei pochi e la miseria dei tanti e la proliferazione del terrorismo internazionale, testimonia concretamente l’inseparabilità concettuale e materiale dei due fenomeni. Come pure l’attuale distinzione tra “migranti economici” e “richiedenti asilo politico” non solo è scientificamente infondata, in quanto entrambi figli del sottosviluppo e della povertà imposta, ma va semmai interpretata come l’esito ineluttabile delle logiche predatorie dell’Occidente. Se si vuole un mondo più sicuro, conclude Curi, “è indispensabile adoperarsi affinché esso sia pure più giusto” e se si vuole la pace “ben più incisiva rispetto allo strumento della guerra preventiva è la rimozione delle catene della miseria in cui versano centinaia di milioni di esseri umani”.

Umberto Curi Professore emerito di Storia della filosofia nell’Università di Padova. Fra i suoi testi più recenti, ricordiamo: Straniero (2010), Via di qua. Imparare a morire (2011), L’apparire del belloNascita di un’idea (2013), La porta stretta. Come diventare maggiorenni (2015), Endiadi. Figure della duplicità (2015). Sui temi affrontati in questo libro, ha pubblicato fra l’altro Pensare la guerra. L’Europa e il destino della politica (1999).

Gianfranco Pasquino nato a Torino, si é laureato in Scienza politica con Norberto Bobbio e specializzato in Politica Comparata con Giovanni Sartori. Professore di Scienza politica nell’Università di Bologna dal 1969 al 2012, è stato nominato Emerito nel 2014. Fra i fondatori della “Rivista Italiana di Scienza Politica”, ne è stato Redattore Capo per sette lunghi anni (1971-1977) e condirettore dal 2000 al 2003. E’ anche stato Direttore della rivista “il Mulino” dal 1980 al 1984.  Ha ottenuto tre lauree onorarie: dalle Università di Buenos Aires e di La Plata e dall’Università Cattolica di Cordoba. Dal luglio 2005 é socio dell’Accademia dei Lincei. E’ autore di numerosi volumi i più recenti sono La Costituzione in trenta lezioni (UTET 2015); Cittadini senza scettro. Le riforme sbagliate (Egea-UniBocconi 2015) e L’Europa in trenta lezioni (UTET 2017).

www.leggerepernondimenticare.it


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: