Home » Uncategorized » Antropologia politica

Antropologia politica

E’ venuto a portare lo scompiglio in Emilia-Romagna, dalle feste dell’Unità (o del Partito Democratico) in località provinciali, ma non meno interessate alla politica, a Forlì fino a Bologna nell’incontro appositamente fissato di lunedì quando di solito ci sono meno frequentatori. E lui, Renzi Matteo, la sua audience l’ha fatta venire, eccome, e l’ha conquistata. Non partiva, ovviamente, da zero. Quasi tutti i presenti c’erano già all’incirca nove mesi fa. Allora, naturalmente, la loro reazione non fu positiva. Ma, come, un giovane toscano, per di più di estrazione popolare (nel senso di “partito”), veniva a fare un’incursione in cerca di voti contro il “loro” segretario, il Bersani Pierluigi, che tutti conoscevano benissimo e che, giunto, lentamente e gradualmente, al culmine del partito, mirava, proprio come si fa da queste parti, a coronare la sua nobile carriera politica. Quadrato, solido, competente, magari non entusiasmante, in grado di fare ridere non con le sue battute, ma soltanto quando imitava Crozza (adesso, neppure più), Bersani era e rimane il comunista emiliano, uno di quelli che usano il noi, che detestano la personalizzazione della politica, che, insomma, nel PCI di altri tempi, di un’altra storia, ad essere il numero uno non ci sarebbe arrivato mai. Infatti, nessuno degli abili, capaci, duraturi amministratori dell’Emilia Romagna, da Dozza a Zangheri, da Fanti a Turci, è mai riuscito a conquistare un ruolo nazionale di grande rilievo. La loro solidità venne regolarmente ritenuta insufficiente a sopperire alla mancanza di fantasia politica e forse anche di leadership.

   Qui tocchiamo con mano la diversità quasi antropologica con i comunisti toscani, ma, più in generale, i politici toscani. Estroversi e beffardi, sempre pronti alla battuta anche sarcastica di loro conio (non presa a prestito, ad esempio, da Benigni), disposti a parlare in prima persona, altro che collettivo!, senza nessun peso sulla lingua, i toscani e, a maggior ragione, i fiorentini sono quanto di più diverso si possa trovare rispetto agli emiliani (i romagnoli sono un’altra “razza”) e, in particolare, ai bolognesi. Probabilmente, Renzi ha capito che doveva usare e sfruttare la sua diversità antropologica. Quasi sicuramente il “corpaccione del partito”, la base lavoratrice e disciplinata ha preso atto che, avendo non vinto ovvero sciupato una vittoria che sembrava largamente acquisita per colui che più di tutti li rappresentava, è venuto il momento di adeguarsi e di scommettere su un candidato totalmente diverso. Parecchi dirigenti si giocano la carriera; altri stanno ritagliandosi lo spazio di una corrente che si posiziona per contrattare con il vincitore designato (ma che loro intralceranno in cambio di qualche carica, esempi, nient’affatto scelti a caso: parlamentare nazionale e parlamentare europeo).

   Applausi comunque a Renzi che vuole un partito senza correnti, e molti auguri. Qui più che altrove, la base vuole vincere, desidera trasferire al governo, se non un suo uomo, le sue affermate e conclamate pratiche di buona, efficace, onestà amministrazione. E pazienza se le speranze dei militanti ex-comunisti saranno soddisfatte da un “burdel” fiorentino ex-popolare. Meglio, comunque, di qualsiasi milanese o siciliano. 

pubblicato su Corriere di Bologna 3 settembre 2013  


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: