Home » Uncategorized » Per cambiare non basta un leader (ma lui durerà)

Per cambiare non basta un leader (ma lui durerà)

CC

C

1) La svolta impressa da Matteo Renzi al suo partito sta cambiando la cultura politica del Pd o il cambiamento è di facciata?

1) Non basta un leader, nessun leader, per cambiare la cultura politica di un partito che — peraltro — era diventata già una cultura pallida e evanescente. Non vedo in Renzi la volontà di dare una nuova cultura ma solo la volontà di far cambiare comportanti ai vecchi politici del Pd. Per cambiare una cultura di un partito ci vuole ben altro che una figura di spicco.

2) Il “fenomeno” Matteo Renzi durerà ancora a lungo o no? E  per quale ragione?

2) Il «fenomeno» non durerà a lungo, ha un tempo molto limitato, Renzi deve fare le riforme. Ma il premier può durare a lungo come politico perché, ormai, controlla il partito dal punto di vista numerico, anche se non controlla ancora i gruppi parlamentari. Il «fenomeno» quindi non durerà, il politico sì. Soprattutto non durerà negli aspetti «accessori»: il suo leaderismo, il suo modo di parlare, di sfidare sempre tutti e tutto non può durare a lungo. Augurabilmente, se ne stancherà anche lui.

3)Le riforme proposte da Renzi sono state giudicate da alcuni intellettuali e osservatori politici come “autoritarie”. Lei è d’accordo o no?

3) Quelle proposte da Renzi non sono riforme autoritarie. Sono solo riforme pasticciate. Come fanno, lui e la ministra Boschi, a dire di voler riformare il bicameralismo perfetto? Se è perfetto, non si riforma, già usano le parole sbagliate. Ancora: i renziani hanno attaccato il presidente del Senato Pietro Grasso (che ha criticato la riforma proposta in Consiglio dei ministri, ndr) perché è nonimato. Se Grasso è nominato, Boschi è binominata, prima da Renzi con il Porcellum, poi sempre da Renzi al governo. Il loro modo di discutere dei problemi è deplorevole. E, ribadisco, le riforme che lanciano sono pasticciate. Prima le hanno presentate come effetto della scelta fatta dagli elettori con le primarie (che non erano primarie, ma l’elezione del segretario di un partito): ma gli elettori non stavano votando il programma di governo di Renzi, bensì solo un segretario del Pd. E in quel programma, presentato durante le primarie da Renzi, l’Italicum come è stato proposto adesso non c’era. L’Italicum è un piccolo «porcellum», un «porcellinum» che consentirà a Boschi di essere di nuovo nominata. Sul Senato, la verità è che non sanno cosa fare. Togliere il voto di fiducia a questo ramo del Parlamento va anche bene, tutto il resto è insicuro. Per fare una buona riforma bastava avere non dico il coraggio ma l’intelligenza di guardare cosa fanno le «seconde Camere» in ambito europeo. Non l’hanno fatto, hanno fatto un pasticcio.

Intervista a cura di Marzio Fatucchi

CORRIERE FIORENTINO 1 aprile 2014


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: