Home » Uncategorized » “Conte? Oggi è più forte, ha imparato ad ascoltare il Paese” #intervista @LaPresse_news

“Conte? Oggi è più forte, ha imparato ad ascoltare il Paese” #intervista @LaPresse_news

Intervista raccolta da Antonella Scutiero

Il politologo Pasquino parla della profonda trasformazione da premier scelto per far da garante al contratto a leader politico il cui consenso nei sondaggi è in forte ascesa

Da quel “questo posso dirlo?” sussurato al suo vice Luigi Di Maio nel suo esordio alla Camera, al video in cui ha detto sì alla Tav, nonostante le resistenze pentastellate, sono passati poco più di tredici mesi. Sono bastati a Giuseppe Conte per compiere una profonda trasformazione da presidente del Consiglio scelto per far da garante al contratto a leader politico il cui consenso nei sondaggi è in forte ascesa. “Ha imparato molte cose, soprattutto a interpretare l’opinione del Paese”, dice a LaPresse il politologo Gianfranco Pasquino, professore emerito di Scienza politica nell’università di Bologna e docente di studi europei e eurasiatici alla Johns Hopkins.

Quanto è cambiato Conte in questi mesi?
Secondo me l’uomo ha imparato molte cose, è diventato più disinvolto, capisce cosa vuol dire tenere a bada i due vicepremier e che bisogna comunicare in maniera chiara con il Paese, senza assumere né gli atteggiamenti trionfalistici di Di Maio né l’aggressività di Salvini.

Come giudica il video sulla Tav? Il premier è sempre stato accusato, soprattutto dai leghisti, di essere più vicino ai M5s.
Fondamentalmente io credo che come temperamento sia più vicino ai cinque stelle, non solo perché lo hanno indicato loro ma perché ne condivide determinate posizioni. Dopodiché andando in giro, incontrando persone, parlando, si è reso conto che doveva sbloccare la Tav. Interpreta l’opinione del Paese, questo è positivo.

Secondo lei questo premier rafforzato sarà garanzia di durata per il governo o potrebbe essere l’elemento che lo manderà in crisi?
Ho sempre pensato che questo governo sarebbe durato molto a lungo. E’ un’occasione unica per i M5s, se ne escono finirebbero nella pattumiera della storia. La Lega ha una posizione di ricaduta perché potrebbe fare un’alleanza con le altre forze di centrodestra ma subirebbe comunque un colpo di immagine molto negativo. Insomma, hanno tutto l’interesse a rimanere e fare scelte, come la nomina del commissario Ue. Inoltre, anche se nessuno ci pensa perché è lontano, nel gennaio 2022 si dovrà eleggere il prossimo presidente della Repubblica: se rimangono saranno loro a votarlo. E potrebbero lanciare proprio Conte presidente della Repubblica, tantopiù che né Salvini né Di Maio avrebbero l’età.

Pubblicato il 24 luglio 2019 su lapresse.it


Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: